Per la cassazione non è reato coltivare cannabis in casa per uso personale

Lo affermano le sezione unite penali.

Non è reato coltivare in casa piantine di cannabis, ma solo se destinate all’uso personale. Lo affermano le sezioni unite penali della Cassazione, con la sentenza depositata oggi, con la quale spiegano il principio di diritto emesso con una informazione provvisoria lo scorso dicembre.


«Il reato di coltivazione di stupefacenti è configurabile indipendentemente dalla quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza, essendo sufficienti la conformità’ della pianta al tipo botanico previsto e la sua attitudine, anche per le modalità di coltivazione, a giungere a maturazione e a produrre sostanza stupefacente», rileva la Corte, secondo la quale però «devono ritenersi escluse, in quanto non riconducibili all’ambito di applicazione della norma penale, le attività di coltivazione di minime dimensioni svolte in forma domestica, che, per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante, il modestissimo quantitativo di prodotto ricavabile, la mancanza di ulteriori indici di un loro inserimento nell’ambito del mercato degli stupefacenti, appaiono destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore».
Le sanzioni previste dall’articolo 75 del Testo unico sulle droghe non si applicano infatti, spiegano gli ‘alti’ giudici, alla «coltivazione domestica destinata all’autoconsumo», perché «tale disposizione non si riferisce in nessun caso alla coltivazione, neanche a quella penalmente rilevante».

Non costituirà più reato coltivare, in minima quantità e solo per uso personale, la cannabis in casa: è la pronuncia epocale delle sezioni unite penali della Cassazione, il massimo organo della Corte. Il 19 dicembre scorso, infatti, è stato deliberato per la prima volta che «non costituiscono reato le attività di coltivazione di minime dimensioni svolte in forma domestica. Attività di coltivazione che per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante ed il modesto quantitativo di prodotto ricavabile appaiono destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore». Viene propugnata così la tesi per cui il bene giuridico della salute pubblica non viene in alcun modo pregiudicato o messo in pericolo dal singolo che decide di coltivare per sè qualche piantina di marijuana.


I kit per la coltivazione dei semi di cannabis sul balcone di casa sono ormai assai diffusi ma fino al 19 dicembre scorso la pratica era del tutto illegale: prima di questa sentenza non c’era mai stata un’apertura vera in questa direzione. La Corte costituzionale in passato è intervenuta più volte sul tema, sposando una linea rigorosa, e così la giurisprudenza ha assunto – dopo alcune isolate sentenze controverse sul tema – una posizione netta. Il principio stabilito era semplice: la coltivazione di cannabis è sempre reato, a prescindere dal numero di piantine e dal principio attivo ritrovato dalle autorità, anche se la coltivazione era per uso personale.

In offerta!

La cannabis è una droga di passaggio?

Anche se è considerata una delle droghe meno nocive, molti etichettano la marijuana come “droga di passaggio”, ovvero sostanza che con il passare del tempo induce all'assunzione di droghe pesanti. Esistono vari argomenti a supporto e contrari a tale ipotesi, ma la...

La differenza tra cannabis sativa, indica e ruderalis

Indica, sativa e ruderalis rappresentano le tre principali tipologie genetiche di cannabis. La cannabis sativa è quella che raggiunge le dimensioni più imponenti ed è originaria delle zone equatoriali. In natura la cannabis sativa tende ad avere alte concentrazioni di...

Per la cassazione non è reato coltivare cannabis in casa per uso personale

Lo affermano le sezione unite penali. Non è reato coltivare in casa piantine di cannabis, ma solo se destinate all'uso personale. Lo affermano le sezioni unite penali della Cassazione, con la sentenza depositata oggi, con la quale spiegano il principio di diritto...

L’Onu cancella la cannabis dall’elenco delle sostanze stupefacenti: “Ha proprietà curative”

La produzione di cannabis per motivi legati alla salute potrebbe aiutare a combattere Morbo di Parkinson, dolori legati al cancro, sclerosi ed epilessia. La commissione narcotici delle Nazioni Unite ha ufficialmente riconosciuto le proprietà mediche della cannabis in...

Come la cannabis potrebbe aiutarci nella cura del Covid 19

Secondo i ricercatori canadesi, gli estratti di cannabidiolo (CBD), il principale componente non psicoattivo della marijuana, potrebbero contribuire a ridurre del 70 per cento il numero di recettori cellulari utilizzati dal coronavirus per entrare nell'organismo...

Cannabis light

Ma cos’è la cannabis light? Non è la versione senza grassi della canapa, anzi si tratta di infiorescenze,  fiori, di piante femminilizzate di canapa sativa l. volgarmente chiamata industriale, piante con alto contenuto di CBD un cannabinoide portatore di...

Hashish legale

L’hashish legale è un derivato delle infiorescenze di canapa sativa che presenta livelli di THC inferiori ai limiti consentiti dalla Legge 242 del 2016 e di conseguenza del tutto privo di efficacia drogante. Questo avviene poiché le infiorescenze impiegate nella...

I Benefici dell’olio di canapa

L’olio di canapa che viene ricavato dai semi della pianta stessa , ha notevoli proprietà è da sempre usato grazie a capacità terapeutiche per l’essere umano come un naturale rimedio per molti disturbi e malanni, utilizzato sia dalla medicina...

Come la Canapa legale può diventare un’altra grande eccellenza italiana

La canapa legale in economia rappresenta un ritorno al passato, un glorioso e fruttoso. Prima della seconda guerra mondiale, fino al 1940 l’Italia dedicava alla coltura della canapa 90mila ettari del proprio territorio. Veniva prodotta più canapa di quanto se ne...

Perchè si puo’ vendere marijuana legale?

Ora si può comprare o vendere la canapa legale. La così detta cannabis light è diventala legale a seguito della pubblicazione della legge 242 del 2016, che fissa a 0,2% il limite massimo del THC presente nella pianta con una tolleranza fino allo 0,6% per le varietà...